Turismo e Cultura

Turismo è cultura

Le lacrime di san Lorenzo

Le lacrime di san Lorenzo

11/12 AGOSTO 2018

Castelmauro

Manifestazioni presso l'Osservatorio Astronomico di Castelmauro
Le lacrime di San Lorenzo - 11 e 12 agosto 2018

Meta di scuole, privati, istituzioni pubbliche e private l'Osservatorio organizza costantemente manifestazioni gratuite ed aperte al pubblico come nel caso delle serate del 11 e 12 agosto dedicate alle “Lacrime di San Lorenzo” dette anche “Stelle Cadenti”. Si tratta di frammenti, delle dimensioni di granelli di sabbia o poco più, dispersi dalla cometa 109P/Swift-Tuttle durante il suo passaggio all'interno del sistema solare. La cometa fu scoperta le 1862 e l'ultimo passaggio nel sistema solare risale al 1992.
Le lacrime sono anche chiamate Perseidi in quanto prendono il nome dalla costellazione dalla quale sembrano provenire, ossia dalla costellazione di Perseo. L'orbita della Terra incrocia quella percorsa dalla cometa e per effetto gravitazionale attrae i frammenti della cometa che penetrano nell’atmosfera a velocità di decine di km al secondo vaporizzando e lasciando di conseguenza scie luminose. L'evento celeste, osservato per la prima volta nel 36 d.C., cade proprio a ridosso della data in cui si celebra il martirio di San Lorenzo, arso vivo su una graticola ardente il 10 agosto del 258 d.C. Per questa coincidenza temporale, le stelle che cadono nella notte di San Lorenzo rappresenterebbero le lacrime versate dal Santo durante il suo supplizio, eternamente vaganti nei cieli ma che scendono sulla Terra più o meno nello stesso periodo di agosto. Da qui la credenza popolare secondo cui tutti coloro che ricordano il dolore del Santo guardando le sue “lacrime” potranno veder realizzato un loro desiderio.
La manifestazione si svolgerà nei giorni sabato 11 e domenica 12 agosto dalle ore 19 fino a circa le 23 e comprende due conferenze tenute dal Prof. Ing. Dario Mancini, astronomo ordinario dell'Istituto Nazionale di Astrofisica e presidente dell'Associazione Cultura Sviluppo e Innovazione CSI che coordina le attività scientifiche e tecnologiche dell'Osservatorio di Castelmauro. L'osservazione delle Perseidi sarà effettuata scrutando il cielo ad occhio nudo. Contemporaneamente saranno osservati altri oggetti celesti ed in particolare Giove, Saturno e Marte anche con il telescopio CRT da 60cm dell'Osservatorio. Informazioni relative alle serate dell'11 e 12 agosto ed ad altre manifestazioni organizzate in sito e sul territorio, sono disponibili sul sito web www.castelmauro.org, dove sono anche reperibili informazioni sull'Associazione CSI. L'Osservatorio è ubicato sul Monte Mauro in località Castelmauro (CB) a 1050m ed è facilmente raggiungibile seguendo le indicazioni riportate sul sito.
L'Osservatorio Astronomico di Castelmauro è l'unica struttura Molisana professionale dedicata alla ricerca e divulgazione di materie scientifiche e tecnologiche con particolare riferimento al settore dell'Astronomia. Nell'ambito della ricerca scientifica l'Osservatorio opera in diversi settori tra i quali l'identificazione di sistemi solari simili al nostro nei quali siano anche presenti pianeti in orbita nella fascia di abitabilità come la Terra, e quindi potenzialmente ospitali per forme di vita. Sempre in ambito scientifico l'Osservatorio partecipa a programmi di monitoraggio di oggetti di grandi dimensioni potenzialmente pericolosi per il nostro pianeta inclusi i detriti spaziali. Le potenzialità dell'Osservatorio
sono notevoli ed il telescopio robotico CRT, Castelmauro Robotic Telescope, è in continua evoluzione e sarà anche utilizzato come sentinella per lo sviluppo del telescopio più avanzato del mondo, il MNGT (Mancini New Generation Telescope). Come per la ricerca scientifica, la divulgazione viene effettuata ad opera dei componenti dell'Associazione Cultura Sviluppo e Innovazione CSI tra i quali sono presenti astronomi dell'Istituto Nazionale di Astrofisica che hanno realizzato importanti progetti internazionali quali il telescopio VST, installato presso l'European Southern Observatory in Cile, il Telescopio Nazionale Galileo TNG installato presso l'Osservatorio Astronomico internazionale Roque De Los Muchacos e molti altri telescopi e strumenti di rilevanza internazionale.

Riferimenti telefonici 0874.1865666 – 327.4016801